marzo 2019 – pp. 160
isbn 9788899554286

Brossura con alette 10×15 – € 12,00
Ebook – € 4,99

Guarda il booktrailer

Per acquistare il libro sulla nostra boutique, clicca sul carrello qui sotto.
Lo trovi anche in ebook (formato epub).

Recensioni
Su Critica letteraria
Su Doppiozero

Design

Una storia sbagliata

di Maurizio Corrado

Tutto ciò che non è corpo, è design. Com’è cambiato il nostro mondo dopo l’arrivo dell’industria? Pervasivo, potente, ingombrante, autoreferenziale, esclusivo, il metodo di produzione industriale ha monopolizzato ogni spazio cambiando il nostro modo di vivere e vedere la vita. Oggi, guardandoci intorno, non troviamo più quasi nulla che non sia prodotto industrialmente. Tutto questo è design. Come ci siamo arrivati? Ci fa bene? Ci siamo persi qualcosa senza neppure accorgercene? Possiamo cambiare o finiremo anche noi con l’essere prodotti industrialmente? Cosa ha comportato questa trasformazione, oltre a maestose quantità di rifiuti che cominciano letteralmente a soffocarci? Costruiamo cose da tre milioni di anni e continuiamo a farlo, perché? Una cronaca scritta con il linguaggio dell’inchiesta giornalistica, date, luoghi, nomi di chi ha fatto cosa e perché. Una controstoria del design: segreti, peccati e virtù di una delle maggiori punte d’orgoglio del made in Italy.

Nel 2015 sono stati scoperti una serie di strumenti di fattura certamente non naturale risalenti a oltre tre milioni di anni fa. Qualcuno costruiva cose già allora; qualcuno che ancora non era Homo Sapiens aveva avuto l’idea di costruire qualcosa e l’aveva realizzata concretamente. Da questo punto di vista, il design è nato prima dell’uomo.

Maurizio Corrado (1958) è architetto e scrittore. Si occupa di ecologia del progetto da metà Anni Novanta. Ha lavorato per giornali e televisioni, organizzato mostre ed eventi culturali, diretto collane editoriali, riviste e pubblicato oltre venti libri di saggistica su design e architettura ecologica, alcuni tradotti in Francia e Spagna. Insegna alla Scuola di Architettura e Design dell’Università di Camerino, all’Accademia di Belle Arti di Bologna e di Verona. È membro dell’Osservatorio permanente del design di AD.