Giuseppe V. Vannetti - Barbalogia Visualizza ingrandito

Giuseppe V. Vannetti - Barbalogia

Nuovo prodotto

Non solo moda, ma un modo d’essere. Un vezzo per alcuni, uno slancio di gusto o d’abito, ma anche un atto di fiducia in colui che se ne prende cura, che maneggia la vita a distanza ravvicinata.

Leggi le recensioni

Maggiori dettagli

12,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

Dimensioni 12 x 16,5 cm con alette
Pagine 200
ISBN 9788899554217
A cura di Manlio Della Serra
Dispetto di Claudio Marinaccio
Descrizione Prefazione di C. Oldstone-Moore; Postfazione di A. Pietrogiacomi

Dettagli

Non solo moda, ma un modo d’essere. Un vezzo per alcuni, uno slancio di gusto o d’abito, ma anche un atto di fiducia in colui che se ne prende cura, che maneggia la vita a distanza ravvicinata. Oggi collocata nel dominio estetico ed elemento di tendenza, nel 1759 la barba è il presupposto teorico per un appropriato ragionamento. È il tentativo, insieme erudito e stravagante, di un intellettuale roveretano che sceglie un’esplorazione accurata per disseminare relativismi culturali in un’attenta collazione di fonti. Emblema del preilluminismo italiano, la Barbalogia definisce alla perfezione i risvolti dell’otium più ammodernato e assicura unitamente una polifonia di scenari e contaminazioni, tutti insaporiti da credenze e affabulazioni, abitudini e repertori sofisticati, usanze condivise e interdetti.

Giuseppe Valeriano Vannetti (1719-1764) fondò l’Accademia degli Agiati a Rovereto nel dicembre del 1750. Intellettuale poliedrico, si dedicò agli studi umanistici raccogliendo le fatiche letterarie di molti studiosi italiani e promuovendo una raffinata interazione sul versante delle scienze letterarie. Tra i suoi meriti l’aver favorito, privilegiando un grande interesse per le lingue e la traduzione, un costante scambio culturale con le provenienze culturali di area germanica.

Recensioni

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Giuseppe V. Vannetti - Barbalogia

Giuseppe V. Vannetti - Barbalogia

Non solo moda, ma un modo d’essere. Un vezzo per alcuni, uno slancio di gusto o d’abito, ma anche un atto di fiducia in colui che se ne prende cura, che maneggia la vita a distanza ravvicinata.

Leggi le recensioni

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche: