aprile 2017 – pp. 148
III ristampa – febbraio 2020
isbn 9788899554187

Brossura con alette 10×15 – € 12,00
Ebook – € 4,99

Leggi un estratto pubblicato su Zest. Clicca qui
Leggi un estratto su minima&moralia. Clicca qui.

Per acquistare il libro sulla nostra boutique, clicca sul carrello qui sotto.
Lo trovi anche in ebook (formato epub).  

Recensioni
Su Temperamente
Su Alpinismo Molotov
Su Left
Su La Stamberga dei lettori
Su Giuditta legge
Su L’Adige
Su Alcolibri Anonimi
(videointervista
Su La linea laterale
Su Zest
Su CriticaLetteraria
Su Mangialibri
Su Culturificio

Geoanarchia

Appunti di resistenza ecologica

di Matteo Meschiari

In questo volume di scritti militanti, Matteo Meschiari raccoglie una serie di lucide intuizioni su terra e crisi ambientale. Con passo selvatico e sguardo poetico, l’autore ci sprona a intraprendere una lotta per le immagini, perché il disastro che ci attende coincide con la nostra incapacità di immaginare il mondo che annientiamo. Se il problema è il destino della terra, è dalla terra che dobbiamo ricominciare. E l’idea di Geoanarchia è semplice: pensare e praticare paesaggi per fare resistenza ecologica. 

Continuiamo a parlare di politica. Dovremmo parlare piuttosto di poesia. La poesia è l’unica via politica praticabile oggi, e sempre. Quello che manca sono proprio i poeti della terra. All’anarchia dovremmo sostituire la geoanarchia, un’anarchia che apprende tutte le sue libertà, tutti i suoi pensieri, tutte le soluzioni pratiche ai problemi sociali dalla terra, la terra sotto i piedi.

Matteo Meschiari (Modena 1968) è poeta e scrittore. Insegna antropologia e geografia all’Università di Palermo, dove è professore associato. Studia il paesaggio in letteratura, la wilderness, il camminare, lo spazio percepito e vissuto in culture europee ed extraeuropee. Ha pubblicato le sue ricerche presso vari editori, tra cui Sellerio, Liguori e Quodlibet. Nel 1997, con Claudia Losi e Francesco Benozzo, ha fondato lo Studio Italiano di Geopoetica, affiliato all’Institut International de Géopoétique, creato dal poeta scozzese Kenneth White. Con Maurizio Corrado ha fondato nel 2016 la compagnia narrativa Campobase. Con Armillaria ha pubblicato anche Bambini. Un manifesto politico; La Grande Estinzione.